I Sodi di S. Niccolò

I Sodi di S. Niccolò

È il portabandiera di Castellare, orgoglio dell’Azienda chiantigiana per aver dimostrato la grandezza del Sangioveto in blend con la Malvasia nera: l’annata 1985 si è classificata al 6° posto nella prima Top 100 stilata da Wine Spectator nel 1988.

Tour sensoriale

Ricette consigliate

Acquista il vino

Note degustative:

Di colore rosso rubino intenso e con una grande concentrazione olfattiva, grazie alla presenza di un frutto rosso maturo che riconduce a note di confettura, ma anche spezie, vaniglia e liquirizia. In bocca il vino è caratterizzato da una fitta ed elegante trama, sostenuta anche dall’importante acidità del Sangiovese, i tannini sono assolutamente dolci e il finale lungo e di grande persistenza.

Scopri come degustare il vino

 

Abbinamenti:

Ottimo con salumi e carni sapide, con piatti succulenti e formaggi stagionati. Apprezzato molto in abbinamento a Pecorino toscano e Parmigiano.

Scopri come abbinare il vino

Descrizione del vino

Uve:

Sangioveto (85%-90%) e Malvasia nera (15-10%)

Denominazione:

IGT Toscana

Vinificazione:

In acciaio

Affinamento:

In barrique per 50% nuove e in bottiglia

Durata dell’affinamento preimbottigliamento:

Da 24 a 30 mesi

Affinamento in bottiglia:

12 mesi

Altimetria vigneti:

mt. 350-400

Tipo terreno:

Calcareo

Sistema allevamento:

Guyot capovolto

Densità dell’impianto:

Da 2.700 a 7.000 nei nuovi

Resa per ettaro in uva:

40/45 Ql

Epoca vendemmia:

Dopo la metà di Ottobre

Materiale vasche fermentazione:

Inox - Termocontrollate

Fermentazione malolattica:

Si

 

Premi e Rating

Robert Parker
97/100

96/100

95/100

95+/100

3 Bicchieri PLUS

98/100

Super
3 Stelle

TTTT

 

Storico annate

La Prima Verticale Digitale Globale

"Il vino, nella nostra cultura, ha il grande potere di unire le persone e creare connessioni e legami. Con la prima verticale globale in quattro continenti, grazie alla tecnologia di British Telecom, siamo riusciti a farlo ai massimi livelli. Capitano verticali con gente di vari paesi, ma nel nostro evento c'erano tavoli con I Sodi di S.Niccolò e Baffonero da Shanghai a New York, a New Delhi, per condividere e scambiare opinioni intorno a ciò che i nostri vini, pur così caratteristici e legati alla terra dove nascono, la Toscana, hanno da raccontare al mondo intero, nei diversi angoli del globo".
Paolo Panerai

Scopri di più